Crackers Crudisti Piccanti ai Semi di Lino e Germogli di Soia

Crackers Crudisti Piccanti ai Semi di Lino e Germogli di Soia

Preparare dei crackers crudisti con i semi di lino e i germorgli di soia è facile e divertente.
Sono buonissimi e soddisfano la voglia di sgranocchiare degli snack croccanti e saporiti mangiando al contempo un cibo salutare.
Si possono ottenere dei crackers crudisti dal sapore più o meno intenso aumentando secondo vostro gusto la quantità di tamari e peperoncino.
Buon appetito!

Ingredienti per 4 persone

250 gr di semi di lino
200 gr di germogli di soia
450 ml di acqua
4 cucchiai di tamari *
peperoncino qb

Ricetta dei Crackers Crudisti Piccanti ai Semi di Lino e Germogli di Soia

Ammollate i semi di lino per 4 ore in 450 ml di acqua.
Frullateli leggermente con il mixer ad immersione.
Sciacquate e tritate con un coltello a pezzi piccoli i germogli di soia.
In una bacinella capiente unite tutti gli ingredienti e mescolate.
Stendete il composto ottenuto nei ripiani dell’essiccatore, precedentemente ricoperti di carta forno
Per dare la forma quadrata ai vostri crackers incidete la superficie con un coltello.
Impostate il programma crudista e trascorse 10 ore girate delicatamente i crackers.
Continuate l’essicazione per altre 10 ore.
Si conservano in un barattolo di vetro per alcune settimane, ma finiranno presto perché sono buonissimi e uno tira l’altro! 😉

Note: * al posto della Tamari si può usare anche comune salsa di soia, ma attenzione: quest’ultima non è senza glutine come la Tamari!

ricetta e foto di Raffaella Scola

Crackers Crudisti Piccanti ai Semi di Lino e Germogli di Soia
5 (100%) 40 voti

2 thoughts on “Crackers Crudisti Piccanti ai Semi di Lino e Germogli di Soia

    • Si, è possibile utilizzare anche il forno. Bisogna stendere il composto sulla teglia rivestita di carta forno, incidere con una spatola la forma dei crackers desiderata e infornare a 42° gradi per 24 ore, dopo 12 ore bisogna girarli. La temperatura non deve superare i 42° gradi perchè un alimento superata questa temperatura non può essere considerato crudo e i preziosi grassi contenuti nei semi di lino si degradano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *